movie sezione

Stato di fatto 2010

Il palazzo storico prospettante l'attuale Corso Italia, oggi sede degli uffici dell'amministrazione provinciale, è in un discreto stato di conservazione per quanto attiene le strutture portanti verticali.

I maggiori segni di ammaloramento sono rilevabili sulle superfici murarie esterne dove gli intonaci si presentano decoesionati, con sfrarinature e cadute di intonaco, vasti sollevamenti di strati di finitura, attacchi biologici e croste nere su parti aggettanti. I prospetti delle facciate posteriori si presentano con vaste cadute di intonaco, trattenute da sprizzature di malta cementizia. In diversi punti vi è il distacco e la perdita degli elementi aggettanti, quali cornici di finestre e marcapiani, realizzati tutti in intonaco e sagomatura con dima. Gli elementi metallici come grate, balaustre e mensole di appoggio dei balconi sul retro appaiono tutti soggetti a fenomeni di ossidazione, con macchie sulle pareti limitrofe. Anche i serramenti si presentano fortemente degradati, sia nella struttura lignea, sia negli strati di finitura, con estesi distacchi di pellicola pittorica e marcescenza. La ferramenta necessita di interventi manutentivi e in taluni casi di sostituzione.

Negli interni i solai di piano in travi lignee, tranne il primo solaio costruito su volte incrociate ribassate in laterizio, sono stati localmente ispezionati e sono apparsi in buono stato seppur si è evidenziata la necessità di un loro miglioramento strutturale considerati i dati dimensionali rilevati.
Il solaio in latero-cemento del piano sottotetto presenta alcune lesioni, mentre il solaio di copertura in laterocemento ed eseguito negli anni '60 risulta degradato in molte parti, né adeguato da un punto di vista di sicurezza sismica.

Negli uffici ai vari piani lo stato di degrado si evidenzia maggiormente nei serramenti interni e pavimentazioni in legno, nonché in tutta la rete impiantistica elettrica, idrosanitaria e termica. Gli stessi ambienti dei servizi igienici sono inadeguati nelle dotazioni e per l'accessibilità ai disabili.
 
On Web
Share/Bookmark Condividi